Prestito Delega

Prestito Delega
Il prestito delega è molto simile alla cessione del quinto, ma non è accessibile ai pensionati e non vi è obbligo per il datore di lavoro di effettuare le trattenute mensili e i versamenti. Perciò, esso ha una diffusione molto limitata tra i lavoratori.

Il prestito delega o prestito con delegazione di pagamento è un finanziamento accessibile ai lavoratori dipendenti e si configura quale finanziamento accessorio alla cessione del quinto, in quanto sono molto simili le loro caratteristiche, oltre che per il legame che sussiste tra i due prestiti.

Il prestito delega, infatti, così come la cessione del quinto, consente al lavoratore dipendente di ottenere liquidità, che dovrà essere restituita con rate costanti mensili di importo non superiore al quinto della retribuzione netta del debitore.

Attenzione: i pensionati non possono richiedere questo finanziamento, come avviene, invece, nell’altro caso.
Il motivo per cui è considerato un prestito accessorio sta nel fatto che il prestito delega viene richiesto, di solito, per abbattere il limite della rata con la cessione del quinto, potendo così velocizzare il rimborso o ottenere un finanziamento più alto.

Poiché anche la rata, in questo caso, è al massimo un quinto dello stipendio netto, ciò significa che il lavoratore che ha accesso in precedenza la cessione del quinto avrà una rata mensile massima dei due quinti della sua retribuzione netta (1/5 con la cessione + 1/5 con il prestito delega).

Un’altra differenza sostanziale con la cessione del quinto è che in questo caso non c’è alcun obbligo per il datore di lavoro di effettuare mensilmente le trattenute dalla busta paga e i versamenti alla società di credito, per cui la sua diffusione è di gran lunga limitata, essendo ordinario il rifiuto dei datori di lavoro e anche delle amministrazioni pubbliche a farsi carico di tale incombenza.

Per tale ragione, quindi, gli unici che nei fatti usufruiscono di questa possibilità di finanziamento sono i dipendenti statali.
Per il resto, le condizioni sono simili alla cessione del quinto: rate trattenute direttamente dalla busta paga, applicazione di un tasso fisso, durata massima del rimborso di 120 mesi.